COLNAGO CYCLING FESTIVAL:
RIPARTENZA, PASSIONE, SICUREZZA!

LA CONFERENZA STAMPA DEL 18 SETTEMBRE DÀ IL VIA A QUESTA EDIZIONE SPECIALE

Nella pittoresca cornice del Salone Gino Benedetti del Castello di Desenzano del Garda, si è tenuta la Conferenza Stampa per questa edizione speciale del Colnago Cycling Festival 2020.

A due settimane dal weekend cicloturistico più atteso del lago di Garda, alla conferenza sono state presentate le numerose novità dell’ottava edizione del nostro evento, che quest’anno vuole essere un simbolo di ripartenza per tutti gli amanti del ciclismo! 

Tra gli eventi che animeranno il weekend del 2-3-4 Ottobre 2020, la prima sarà la Randonée, il Giro del Lago di Garda, con partenza alle ore 9.00 di Venerdì 2 ottobre, mentre l’attesissima Granfondo si svolgerà Domenica 4 Ottobre, nella meravigliosa cornice dell’alba di Desenzano del Garda. 

Come ogni anno non potrà mancare uno spazio dedicato ai più piccoli: la Junior Bike, che si svolgerà nel pomeriggio di sabato 3 ottobre, e che sarà la prima e unica manifestazione dedicata ai bambini nella nostra provincia, nuovo segno della ripartenza che è diventata il motivo conduttore di questo Festival. L’organizzatore della Junior Bike ha commentato con parole che hanno in sé una spinta fondamentale per questo manifestazione: “Il coraggio non manca ai bambini, è un’iniziativa importante che attraverso di loro dà un messaggio di ripartenza”.

La serata, aperta solo alla stampa, è stata introdotta da uno speciale ospite, Paolo Savoldelli, due volte vincitore del Giro d’Italia e grande sostenitore della manifestazione, che ha definito il Colnago Granfondo 2020 come “una mosca bianca nelle Granfondo di quest’anno.”.

Presenti anche tutte le autorità del Comune di Desenzano del Garda, fra cui il primo cittadino, Guido Malinverno, primo a prendere parola in questa speciale serata. Il Sindaco della Cittadina ha ringraziato Ernesto Colnago, le forze dell’ordine e tutti i comuni, che si sono uniti per consentire lo svolgimento ottimale della manifestazione. Ha aggiunto che questa è una preziosa opportunità per il territorio di ottenere una grande visibilità a livello internazionale, anche considerando che, prima di approdare in Italia, questa manifestazione ha girato il mondo: Philadelphia nel 2009, Miami nel 2010, Beverly Hills nel 2011, Los Angeles nel 2012, per mettere finalmente le radici nella meravigliosa Desenzano del Garda. “La storia si ripete, uno dei grandi appuntamenti tradizionali della nostra Città prenderà vita anche quest’anno e questo rappresenta per noi uno splendido segnale, perché questa edizione sarà il simbolo di tutti coloro che, rispettando le norme per prevenire il contagio, hanno voglia di ripartire dallo sport, dalla competizione, dal divertimento e da tutto ciò che questo rappresenta.”

Immancabile la presenza del patron dell’evento, l’imprenditore Cav. Ernesto Colnago, fondatore dell’omonima azienda Title Sponsor del Festival e cittadino onorario di Desenzano del Garda. Durante la serata, il Cavaliere, ha ringraziato le autorità cittadine, e sottolineato come la magnifica cittadina gardesana sia sempre una seconda casa in cui tornare ogni anno. Ernesto Colnago, un instancabile inventore e innovatore che con il suo lavoro, che ci tiene a definire ancora artigianale, esporta con grande orgoglio la qualità del Made in Italy in tutto il mondo.

Ad intervenire è stato anche l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli che ha speso importanti parole a favore della manifestazione, spiegando come la Regione si sia sentita in dovere di dare sostegno a un evento storico come questo, condividendo il messaggio della ripartenza, anche sotto il profilo turistico-economico: “La manifestazione di quest’anno non era così scontata, ma ha ricevuto un forte appoggio sia da parte del Comune di Desenzano del Garda che della Regione.”

La parola è poi passata a Roberto Corona, regista dell’evento di Steam Dance del gruppo Corona, uno spettacolo originale e coinvolgente che stupirà il pubblico la sera di Sabato sulle rive di Desenzano.

Anche l’assessore al Turismo e alle Attività Sportive Francesca Cerini, che da anni sostiene da anni con entusiasmo la manifestazione, è intervenuto a favore del nostro Festival “perché, nonostante fosse difficile come decisione, il Comune di Desenzano del Garda meritava di poter vivere un evento che è ormai di richiamo per il territorio, un appuntamento annuale che va ben oltre l’orizzonte sportivo.”. La Cerini ha spiegato come da anni vi sia un rapporto profondo tra il ciclismo e la città di Desenzano, con il graduale ampliamento del panorama del Festival, che si è rivelato un modo di vivere, di esprimere significati culturali e promuovere il territorio non solo di Desenzano, ma di tutto il Garda. “Al weekend del 2-3-4 Ottobre ci saranno il divertimento e la passione che ci sono mancati durante quest’anno e che coinvolgeranno tutti gli atleti e gli appassionati che parteciperanno”.

Presente anche un personaggio di fondamentale importanza per questa edizione speciale: Ivano Saletti, trapiantato di cuore, e per questo, un vero simbolo di ripartenza, che intraprende tutti i giorni la sfida della vita e che, per festeggiare i 15 anni dal trapianto, parteciperà con il suo medico alla Colnago Granfonfo 2020. Le sue parole sono state toccanti e d’ispirazione: “Il messaggio che voglio dare partecipando quest’anno è che si può tornare a vivere dopo il trapianto, e credo sia importante sensibilizzare il pubblico all’argomento del trapianto che può e riesce a salvare vite.” 

Dopo la presentazione di Emiliano Borgna, Presidente di Acsi, è arrivato il momento del rappresentante del Comitato Organizzativo, Tazio Palvarini, che ha illustrato i grandi progressi compiuti dalla manifestazione in questi dodici anni, e spiegato con ironia quanto difficile sia stata l’organizzazione dell’evento quest’anno, quasi come se «al posto di un sono festival, ne siano stati organizzati due». Nonostante questo, il C. O. ha potuto contare sull’appoggio di grandi partner, che ha ringraziato durante la serata, insieme alle Istituzioni che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno.

A concludere la serata, il simbolico taglio del nastro da parte del Cav. Ernesto Colnago e dell’Amministrazione Comunale per inaugurare la mostra dedicata ad alcuni gioielli della collezione privata di Ernesto Colnago, biciclette che hanno fatto la storia del ciclismo mondiale e legate a grandi nomi come Ulissi, Alonso e Voeckler. La mostra sarà accolta fino al termine del Festival tra le stanze del Castello di Desenzano, iniziativa promossa dall’Assessore al Turismo e alle Attività Sportive Francesca Cerini.

Questa emozionante serata dà il via al Festival di quest’anno, le cui parole chiave saranno sicuramente: RIPARTENZA, PASSIONE e SICUREZZA!

Per rimanere aggiornati sul Colnago CF20 e per ulteriori dettagli sulle iniziative visitate il nostro sito e seguite Colnago Cycling Festival sui social

Stay Tuned!

C.O. Colnago Cycling Festival